Martedì, 08 Gennaio 2013 19:34

DISTRETTI DI ECONOMIA SOLIDALE

DISTRETTI DI ECONOMIA SOLIDALE

I DES (Distretti di Economia Solidale) mirano a costruire un’economia territoriale autosostenibile. Per economia territoriale autosostenibile si intende un sistema nel quale i diversi soggetti sociali trovano il modo di soddisfare i loro bisogni di sussistenza e i loro legittimi desideri di autorealizzazione a partire dalle risorse esistenti e disponibili nei rispettivi territori. Si tratta cioè di un processo di rilocalizzazione dell’economia, funzione che torna ad essere reincorporata nella dimensione comunitaria, oggi in mano al capitalismo di mercato globalizzato.

I DES sono sistemi aventi due componenti principali: la sostenibilità (ambientale, territoriale, sociale, economica, politica); la minor dipendenza possibile, nella soddisfazione dei bisogni di ogni comunità, da altri aggregati sociali. Insomma, una rivalutazione di una “autarchia aperta” agli scambi tra pari (equi e solidali).

La modernità e il capitalismo neo-liberista hanno indotto un progressivo distacco dai luoghi dei fattori di produzione della ricchezza. Questo tipo di economia è essenzialmente un sistema economico che si basa da un lato sulla finanza, quindi per sua natura è aterritorializzata; dall’altro, anche quando è produzione materiale, si basa solo sulle convenienze dei fattori di produzione e sull’uso dei territori come meri contenitori prescindendo da essi.

I DES rappresentano quindi uno stadio importante nel percorso di “transizione” che ha due connotati: da un lato concordare su un orizzonte temporale di medio periodo (per  intercettare la struttura dell’economia del nostro modello di sviluppo attuale, in che modo la si riesce a modificare), dall’altro sottoporre la teoria alla critica dell’esperimento delle buone pratiche esplicitando le teorie che le sottendono.

Scopo principale del distretto è quindi quello di favorire l’autonomia economica delle comunità secondo i principi di reciprocità, di dono, di cooperazione, affrancandosi progressivamente dalle logiche del mercato, della moneta, della proprietà della terra, della compravendita del lavoro.

All’inizio del 2010 in Valle Brembana si è attivato il primo comitato di lavoro “verso il DES delle valli Brembana e Imagna”. L’obiettivo del comitato è quello di sperimentare concretamente i processi di costruzione di un’economia territoriale auto sostenibile http://desvalbrembana.wordpress.com/

Letto 2854 volte Ultima modifica il Venerdì, 05 Aprile 2013 22:17
Devi effettuare il login per inviare commenti